domenica 29 dicembre 2013

Brutti ma buoni

"brutti ma buoni", anzi... buonissimi!

Vi posso assicurare che sono di una bontà rara, ma ovviamente sono solo per gli amanti delle nocciole. Volendo potete prepararli anche con le mandorle o con mandorle e nocciole insieme, saranno comunque ottimi. 

La loro consistenza è molto particolare perchè sono croccantissimi fuori e più morbidi dentro ed essendo preparati con gli albumi montati e senza farina sono anche molto leggeri, oltre che gluten free. 
Spero davvero che conquisteranno anche voi!






INGREDIENTI:

 300 gr di nocciole

250 gr zucchero semolato

4 albumi 

1 pizzico di vanillina


PROCEDIMENTO:

Montare gli albumi a neve ferma con lo zucchero. Tagliare grossolanamente le nocciole tostate e aggiungerli agli albumi montati a neve. Passare il tutto sul fuoco basso e mescolare con un cucchiaio di legno. 

Bisogna mescolare facendo attenzione a non far attaccare sul fondo il composto. Dopo circa 15/20 minuti l'impasto risulterà ben sodo e pronto per realizzare i pasticcini.
A fuoco spento aggiungere la vanillina e mescolare bene.

Con l'aiuto di un cucchiaino formare dei mucchietti di impasto e sistemarli in una teglia rivestita di carta forno. Cuocere a 150° per circa 30 minuti e successivamente lasciarli raffreddare su una gratella.




lunedì 23 dicembre 2013

Banana Bread

Ci siamo: meno un giorno a Natale.
Vi regalo la ricetta di un dolce che da più di 5 anni insieme al panettone segna la conclusione della nostra cena della Vigilia.

Sto scrivendo questo post mentre il mio personalissimo Banana Bread si sta raffreddando quindi vi avverto che non mi dilungherò tantissimo, perchè non vedo l'ora di raccogliere le briciole quando lo sformerò dallo stampo :-)


Di banana bread, come ho potuto poi verificare, trabocca la cucina anglosassone, in particolare quella americana, ma come questo nessuno.

Delizioso, aromatico, saporoso, corposo ma leggero, assolutamente non stucchevole, unico nella sua semplicità...Inutile che vi consigli di provarlo, tanto lo avrete capito!




INGREDIENTI:

100 gr di farina 00

130 gr farina
 integrale
150 gr zucchero di canna 
1 bustina di lievito vanigliato per dolci
1 pizzico di sale
mezza bacca di vaniglia
2 uova
113 gr di burro
3-4 banane mature 


PROCEDIMENTO:


Fate fondere il burro e lasciatelo intiepidire.
Sbattere bene le uova con lo zucchero fino a che non saranno diventate spumose e soffici.
Con una forchetta, schiacciate le banane ed unitele alle uova.
Mescolate le farine con il lievito ed unitele all'altro composto; lavorate bene il tutto per 5 minuti dopodichè imburrate ed infarinate bene lo stampo quindi versateci il composto fino a 3/4 della sua altezza ed infornate in forno precedentemente preriscaldato a 180°C.Fate cuocere per circa 40 minuti,lasciatelo raffreddare prima di estrarlo dallo stampo.





giovedì 19 dicembre 2013

Chips di mela senza zucchero


Non esiste uno snack più sano e naturale delle chips 
di mele
 specialmente prima delle grandi abbuffate del periodo natalizio, oppure questa è la ricetta ideale se avete bisogno di uno spuntino rapido e pratico da portare con voi.



La preparazione è semplicissima, non richiede che affettare e infornare nel forno le mele, che dovranno asciugarsi a bassa temperatura per un paio d'ore: effettivamente ci impiegano 2 ore ad essiccare e 10 minuti per finirle....però io le trovo buonissime ed inoltre ricche di pectina, un polisaccaride che aiuta a stabilizzare i livelli di colesterolo ematico, le chips di mela sono utili per tenere sotto controllo l'appetito e regolare le funzioni intestinali.


Il loro ricco contenuto di quercetina inoltre, conferisce a questo snack proprietà antiossidanti e antiaging e 100 grammi di chips contengono circa 45 calorie!



Vorrei sottolineare che questa ricetta potrebbe funzionare per diversi tipi di frutta:per esempio mango e pere sarebbero ottimi candidati!





Il consiglio di AzzuChef:

Le mele da utilizzare per questa ricetta, devono essere croccanti e non farinose (Golden Delicious o Red Delicious per esempio). 

Attenzione!!Le chips di mele non sopportano l’umidità, per cui è importante che una volta fredde, siano chiuse in un luogo ben asciutto come un sacchetto di plastica o una scatola di latta.


Potete conservare le chips di mela al riparo dall'umidità per 4 giorni, ben chiuse in un sacchetto per congelare.







INGREDIENTI:


2 mele grandi
1 cucchiaino di cannella in polvere (facoltativa ma io la consiglio vivamente: dà un sapore buonissimo!)
1/2 cucchiaino di noce moscata in polvere (facoltativa)
1/4 di cucchiaino di chiodi di garofano in polvere (facoltativi)



PREPARAZIONE:


Preriscaldate il forno a 90°C e rivestite la placca con un foglio di carta antiaderente.

Private le mele del torsolo e affettatele finemente con l'aiuto di una mandolina, adagiate le fette di mela in un solo strato sulla placca del forno e cospargetele con metà delle spezie che avrete precedentemente mescolato.
Infornate per un'ora.
Trascorso questo tempo estraete la placca, girate le fette di mela e cospargete anche l'altro lato con le spezie rimanenti.
Rimettete in forno per ancora un'ora.
Lasciate che si raffreddino completamente e conservatele in contenitori a tenuta ermetica.





martedì 17 dicembre 2013

I Passatelli romagnoli

Figlia di mamma Santarcangiolese, e di padre Sammaurese: senza alcun dubbio mi posso considerare una romagnola purosangue. Quindi per me è un onore ed un onore fornire la 
ricetta dei Passatelli.

Ingredienti semplici che, uniti insieme, creano un piatto molto gradito della tradizione romagnola.

In passato, durante i giorni di festa, erano protagonisti indiscussi e tradizionalmente venivano cotti in un brodo di carne delizioso. Si preparano ancora, naturalmente, ma anche asciutti.
Inoltre è possibile cambiare gli ingredienti di base:ad esempio col formaggio di fossa invece del parmigiano. Si possono aggiungere spinaci, carote, zucchine... o quello che più preferite!




Serve un attrezzo: in passato era comune "e fér" un disco forato a forma concava, con i manici laterali. Ora è più facile che nelle case ci sia uno strumento per i passatelli molto simile allo schiaccia patate, ma con fori più grandi.



E' fondamentale usare il pangrattato di pane tipo toscano o pugliese, non condito di olio, strutto, condimenti grassi in genere, grattato in casa, quindi non usare quello acquistato perché c’è il rischio che diventino una poltiglia.

INGREDIENTI (per 4 persone):


2 uova medie 
200 gr di parmigiano grattugiato
300 gr di pane grattato
1 grattata di buccia di limone (facoltativa)
noce moscata
pepe
sale 


PREPARAZIONE:

Acquista pane toscano o pugliese. Quello che ti avanza taglialo a fette e quando sarà ben secco grattalo.

Dopo aver amalgamato tutti gli ingredienti - pangrattato, parmigiano, noce moscata, sale, pepe e uova per ultime - lascia riposare l’impasto avvolto nella pellicola in frigorifero minimo 2 ore. L’ideale sarebbe prepararlo la sera prima (in tal caso lo tiro fuori un paio d'ore prima di passarli nell'apposito attrezzo, altrimenti sono eccessivamente duri). 

L’impasto dev’essere abbastanza sodo, in caso contrario io sconsiglio di aggiungere un po’ di farina ma di utilizzare il pangrattato.Viceversa,se si presenta troppo duro, aggiungete un po' di brodo per ammorbidirlo.

Se non hai l’attrezzo apposito puoi usare lo schiacciapatate a fori grossi. Lasciali cadere finché non otterrai dei lunghi fili, dai bordi crepati.

Cuocili nel brodo (di carne o pesce) in bollore ed appena vengono a galla sono pronti. Per i passatelli asciutti, invece, lessali in acqua salata, scolali e passali in padella con il condimento che preferisci.

Per il brodo di carne
INGREDIENTI:

4 litri d'acqua
300 gr di carne di manzo
1/4 di gallina o cappone 
una costa di sedano 
1 cipolla 
1 chiodo di garofano
1 carota 
5 gambi di prezzemolo


PROCEDIMENTO:

Per il manzo, i tagli più adatti a preparare un buon brodo sono il doppione, il muscolo, la sottospalla, la noce, il cappello del prete, il brione, la punta di petto, la pancia, la coda, il girello di spalla e la parte gommosa.

Per quanto riguarda, invece, la carne di cappone o di gallina, qualunque parte va bene e potrete anche utilizzarli interi, dopo averli puliti accuratamente e privati delle interiora. 
Prendete un tegame di terracotta o, in alternativa, una pentola molto capiente a fondo spesso, che garantisce una temperatura di ebollizione costante. 
Versatevi l’acqua fredda e unite i pezzi di carne, poi fatela riposare per circa trenta minuti. Se volete rendere il brodo ancora più ricco, potete utilizzare in aggiunta alcune ossa di manzo.

Collocate quindi la pentola su un fuoco molto basso e portate il brodo ad ebollizione assai lentamente. Salate leggermente ed eliminate con cura, usando l’apposita schiumarola (o mestolo forato) la schiuma e le impurità che di mano in mano si formeranno in superficie.
Quando il brodo risulterà ben limpido, spegnete il fuoco.
 Una volta intiepidito, rimettete il brodo a bollire a fuoco lento, unendovi il sedano, la carota intera pelata, il prezzemolo e la cipolla sbucciata, nella quale avrete conficcato un chiodo di garofano (che dovrete rimuovere a fine cottura).

Fate sobbollire il brodo molto lentamente, tenendolo coperto, e lasciatelo cuocere a fuoco bassissimo per almeno 3 ore. Poco prima di allontanare la pentola dal fuoco, salate il brodo con una presa di sale grosso.
 Ultimata la preparazione, filtrate il tutto con un colino conico, lo chinois.

Lasciate quindi raffreddare il brodo ottenuto in un ambiente freddo, fino a quando si formerà una patina di grasso addensato sulla superficie.
Infine, aiutandovi con il mestolo forato, rimuovete per intero o in parte lo strato untuoso (a seconda di quanto richiesto dalla ricetta) così da ottenere, rispettivamente, un brodo totalmente o parzialmente sgrassato.



Idee di condimento per passatelli asciutti:
con vongole e ceci
con speck, rucola, scorza di limone grattugiata
con sughi di verdure, pesce o carne
con pomodorini pachino e pesto genovese
con salsa di parmigiano e tartufo

lunedì 16 dicembre 2013

Biscotti al cocco con gocce di cioccolato gluten free



La celiachia è un'intolleranza alla gliadina, la componente alcool-solubile del glutine, un insieme si proteine contenute nel frumento, nell'orzo, nella segale, nell'avena, nel farro, nel kamut.
E' così che per molte persone è diventato un problema mangiare, soprattutto nel momento in cui concedersi una pausa di dolcezza;ecco quindi che ho pensato di proporvi la ricetta di deliziosi biscottini al cocco.
Questi biscotti sono così facili da preparare che anche le meno esperte in cucina potranno cimentarsi a prepararli senza temere di combinare disastri.
 Inoltre NON contengono glutine, ma solo farina di cocco disidratato e farina di riso, quindi possono essere gustati tranquillamente anche da chi soffre di questa intolleranza.
La ricetta originale prevede di preparare i biscotti facendo un semplice impasto a base di farina di riso, di cocco, uova  e burro. Ma l'accoppiata cioccolato e cocco è un connubio testato e di riuscita sicura. Quindi se volete rendere i vostri biscotti ancora più golosi e per la verità, ancora più calorici, appogiate su ciascun biscotto le gocce di cioccolato fondente prima di mettere in forno a cuocere.
Il risultato sarà una vera golosità che piacerà a tutti.

                            

INGREDIENTI:
240 gr farina di cocco
200 gr farina di riso
180 gr di zucchero semolato
180 gr burro
3 uova
gocce di cioccolato fondente (facoltativo)

 PREPARAZIONE:
Iniziamo la ricetta dei nostri biscottini al cocco sciogliendo il burro. Una volta sciolto, mettetelo in una terrina e aggiungete lo zucchero, la farina di riso, la farina di cocco, e le uova: a questo punto amalgamate il tutto.
Raggiunto un composto omogeneo, prendete l'impasto e trasformatelo in tante piccole palline che schiaccerete leggermente mantenendo una forma rotonda e che metterete in una teglia da forno ricoperta con la carta apposita. Per la versione più golosa io ho adagiato sopra ciascun biscotto qualche goccia di cioccolato fondente.
Fate cuocere per circa 20 minuti.
Non appena vedrete che iniziano a prendere un colore dorato, tirateli fuori dal forno e lasciateli freddare.



sabato 14 dicembre 2013

Double Chocolate Muffin in inglese, Muffin al doppio cioccolato in italiano

Cosa scrivere in un post che è dotata di una immagine simile?
Bhè, credo niente..o forse solo che questa, a mio parere, è una di quelle ricette che non vanno nella lista "fare" no, questa va inserita nella categoria "da fare immediatamente!"

Lo ammetto apertamente, questa ricetta non è il massimo dell'originalità, ma in quanto a bontà non ha eguali. A quanto pare è presente sulla maggior parte dei blog di cucina, ma io non avevo ancora avuto modo di postarla e penso sia perfetta per le festività che stanno per arrivare.

Sicuramente molti di voi penseranno preoccupati all'apporto calorico di questi muffin: vi posso solo dire che non sono troppo dolci (come quasi tutte le mie ricette di dolci e scusate il gioco di parole) soprattutto se si utilizza il cioccolato fondente ed il cacao amaro, inoltre il livello di burro è davvero molto basso (basti pensare che nella torta di mele ce ne vuole il triplo) e poi scusate ma mi devo permettere .....


Ricordatevi che non si ingrassa da Natale a Capodanno, ma da Capodanno a Natale! :-)


Vostra *Azzuchef*




INGREDIENTI: (Per 6 muffin)

  1. 150 g di farina
  2. 40 g di cacao amaro
  3. 1/4 di cucchiaino di bicarbonato di sodio
  4. 1 bustina di lievito vanigliato in polvere 
  5. 1pizzico di sale
  6. 150 g di zucchero
  7. 50g di burro fuso
  8. 125 g di yogurt bianco
  9. 1 uovo
  10. 75 g di cioccolato fondente


PREPARAZIONE

Preriscaldare il forno modalità statica a 200 °C, e posizionare  i cestini di carta nella teglia
 per i muffin.

In una ciotola mescolare insieme la farina, il cacao, il lievito, il bicarbonato ed il pizzico di sale, mentre in un'altra ciotola sbattere lo zucchero con burro sciolto, yogurt e uova.

Quindi aggiungere gli ingredienti umidi a quelli secchi e mescolare delicatamente fino a quando il composto risulterà omogeneo.

Tritare il cioccolato in piccoli pezzi e aggiungere un buon 3/4 del totale  alla miscela ottenuta.

Riempire le basi di carta quasi alla cima (ma attenzione a non eccedere perchè rischiano di gonfiarsi eccessivamente), cospargere ognuno di essi con il resto del cioccolato e cuocere per circa 18 min. Provate con uno stuzzicadenti la cottura, se sono cotti a puntino lo stecchino  deve uscire pulito.











martedì 10 dicembre 2013

I Cantucci


Visto che oramai ci siamo quasi, direi che è tempo di pubblicare qualche ricettina Natalizia, da regalare e da mangiare!


Non tutti sanno che i cantucci sono dei biscotti tipici natalizi, anche se dalle nostre parti si trovano in vendita tutto l'anno... ma quelli fatti in casa, concedetemelo, sono tutta un'altra cosa!... e sarà poi perchè questa ricetta, è veramente fantastica :)


La ricetta tra quelle provate, è quella che più si avvicina agli originali, pur avendo il burro tra gli ingredienti che in effetti pare non ci sia, ma credetemi, ci sta ,eccome se ci sta!Se dobbiamo peccare, facciamolo pure "per bene"!
Ho apportato solo qualche piccola modifica nella lavorazione, per cui la riscrivo come l'ho  eseguita.





INGREDIENTI:

450g. di farina 00
350gr. di zucchero (mettelo tutto, o ne va della croccantezza)
2 uova intere 
3 tuorli 
1 uovo intero per spennellare i biscotti
1/2 bustina di lievito per dolci
50g. di burro fuso tiepido
scorza grattugiata di un arancia piccola  
un pizzico di sale
250g. di mandorle sgusciate (ma non spellate)
uvetta sultanina (a piacere)


PROCEDIMENTO


Tostare leggermente le mandorle nel forno caldo. 
Montare molto bene con le fruste o con lo sbattitore elettrico 2 uova intere e 3 tuorli con lo zucchero (aggiungere alle uova un pizzico di sale) finché non diventano bianche; aromatizzare con la scorza d’arancio grattugiata e aggiungere il burro fuso e tiepido. 
Continuare a lavorare con le fruste elettriche aggiungendo man mano la farina setacciata precedentemente col lievito. Questa lavorazione da come risultato dei biscotti più friabili e 'fini'
Se li preferite più compatti, rovesciate la farina sulla spianatoia e versateci dentro il composto ma non troppo montato.
Unire le mandorle e, se necessario, bagnando le mani con acqua fredda (non aggiungete farina) perché il composto è appiccicoso, fare 3/4 filoncini larghi ca. 3 dita e spessi 1 e disporli sulla placca del forno ricoperta di carta forno (oppure imburrata e infarinata). Siccome i filoncini cuocendo si allargheranno, potete anche usare l'accorgimento di fare una piega nella carta forno fra un filoncino e l'altro in modo da non correre il rischio che si attacchino fra loro. Spennellarli con l’uovo intero sbattuto e cuocerli in forno caldo a 180°/200° per circa mezz’ora. 
Sono cotti quando sono ben dorati e, toccandoli, si sente che i filoncini sono sodi all'interno. Farli raffreddare un po’ (altrimenti è difficile tagliarli perché si spaccano) e tagliarli, magari leggermente di traverso, allo spessore di circa 1.5cm e ridisporli distesi di fianco sulla placca del forno. Rimetterli in forno a biscottare sui due lati, (perchè i cantucci sono veri bis-cotti, perchè cotti 2 volte!) a circa 100° per circa 10 minuti, da una parte e l'altra, facendo attenzione a non lasciarli dorare dalla parte del taglio, altrimenti diventano troppo duri.
Anche se questi biscotti DEVONO essere duri, perché sono nati per essere inzuppati nel vino o, meglio ancora, nel Vinsanto o altro passito. Bisogna tenere presente che finché sono caldi la supereficie risulta ancora un po’ morbida, ma indurisce rapidamente raffreddandosi. 
Una volta freddi si conservano benissimo in scatole di latta. 







lunedì 9 dicembre 2013

Risotto alla zucca


Il risotto alla zucca è uno dei piatti più tradizionali dell'Italia settentrionale, in particolare è molto apprezzato in Lombardia, patria anche dei tortelli di zucca.

Senza dubbio il risotto alla zucca è un piatto molto semplice da preparare e allo stesso tempo molto gustoso ottimo sopratutto nelle fredde sere autunnali o invernali: è proprio per questo, visti i 2 gradi esterni, ho deciso di cucinarlo per me e per la mia famiglia...non pensavo riscuotesse tanto successo...penso che domani dovrò fare il bis!
Semplice, gustoso, salutare, confortevole e perchè no visti i tempi, anche economico!

INGREDIENTI (per 4 persone):

350 gr di riso
1 cipolla bianca 
1 litro di brodo vegetale
300 gr di zucca
1/2 bicchiere di vino bianco 
50 gr di burro (io per una versione più "light" ho usato l'olio extra vergine di oliva)
rosmarino
parmigiano

PREPARAZIONE:
Per prima cosa per preparare il risotto alla zucca pulite la zucca: privatela dei semi, tagliatela a fette, sbucciatela e riducetela a cubetti. Nel frattempo, mettete a rosolare in un tegame abbastanza grande la cipolla finemente tritata con l'olio. Quando la cipolla sarà ben dorata, aggiungete i cubetti di zucca  e il riso (assicuratevi che i cubetti di zucca si siano ammorbiditi per bene prima di aggiungere il riso!). Mescolate il tutto per qualche minuto per impedire al riso di attaccarsi al tegame e lasciate cuocere per almeno 10 minuti. Se lo desiderate, verso metà cottura, per dare maggior sapore al risotto, potete aggiungere un rametto di rosmarino ben legato per far si che non perda gli aghetti.A questo punto aggiungete il vino e a mano a mano anche il brodo, lasciando cuocere il tutto per almeno 17 minuti. Quando mancano 2 minuti alla fine della cottura aggiungete  il parmigiano mescolando il tutto per bene. Lasciate riposare il riso per due minuti e servite in tavola ben caldo!





I CONSIGLI DI AZZUCHEF:


  • Se volete un risotto colorato, prelevate metà dei cubetti di zucca dalla pentola una volta ammorbiditi e, con un mixer da cucina, riduceteli in purea che, successivamente, unirete in padella prima di allungare il riso con il brodo. 
  • Per rendervi conto di quando il riso è quasi pronto basta assaggiarlo: se risulta non duro ma compatto al centro, allora significa che è quasi pronto.













venerdì 6 dicembre 2013

Biscotti proteici DIETA A ZONA

Questa ricetta nasce dalla collaborazione con mia sorella che è una nutrizionista....certo che, in effetti, avere in famiglia una dietologa che si vede ogni giorno sfornare almeno 2 ciambelle al cioccolato e 3 crostate fa un po' strano :-). Questi biscottini li abbiamo sperimentati per molti suoi clienti che necessitavano di seguire la cosiddetta "dieta a zona" nella quale ogni pasto deve comprendere sempre tutti i nutrienti (carboidrati,proteine e grassi) tale per cui l'apporto calorico totale assunto dalle dieta dovrebbe derivare precisamente da: 40%di carboidrati, 30% di proteine e 30% di grassi.
Assumendo dunque i componenti in modo equilibrato e proporzionato, si possono trarre numerosi benefici perché: si controllano le funzioni dell'organismo, si raggiunge un ottimo equilibrio e si riescono a determinare  le risposte ormonali.
Ciascuno di voi come me prima di assaggiarli sarà molto scettico riguardo al gusto...credetemi, sono deliziosi!
Ecco qui la ricetta, vedrete che mi darete ragione: 

INGREDIENTI:

2 albumi
40 gr di arachidi
50 gr di farina di avena
40 gr di fruttosio
5 gr di lecitina di soia
40 gr di proteine del siero del latte (io ho usato quelle al gusto nocciola)

PREPARAZIONE:

Dopo aver sgusciato le arachidi, frullatele in un mixer con l'aggiunta di un cucchiaio di fruttosio (ATTENZIONE:questo accorgimento è importante per evitare che l'olio della frutta secca fuoriesca e crei una massa grumosa e compatta).
In uno sbattitore elettrico montare a neve ben ferma gli albumi,aggiungere lentamente il fruttosio rimanente,abbassando la velocità della macchina per evitare che gli albumi si smontino.
Rimuovere dunque le fruste elettriche ed unire lentamente tutti gli altri ingredienti, dunque la farina d’avena, le arachidi finemente tritate, le proteine del siero del latte, la lecitina. Mescolare con un cucchiaio di legno dal basso verso l’alto.

Trasferire il composto schiumoso ottenuto in una sac à poche e creare tanti biscottini direttamente sulla teglia ricoperta di carta da forno.
Infornare a 180°C per 5-6 minuti, evitando che questi s’imbruniscano eccessivamente. Prima di rimuovere i biscotti dalla piastra, attendere che questi si siano raffreddati.



VALORI NUTRIZIONALI PER 100 GR DI BISCOTTI:


Valore energetico:255 Kcal 
Carboidrati: 35,10 g
Proteine: 18,00 g

Grassi: 7,90 g   
            di cui saturi: 1,30 g di cui monoinsaturi: 3,90 g di cui polinsaturi: 2,70 g Colesterolo: 0,00 mg


lunedì 2 dicembre 2013

‘I can’t believe you made that’ cake

INGREDIENTI

Per la torta:

200 gr Burro
200 gr Zucchero semolato 
4 uova 
140gr farina
60gr di cacao in polvere
1 pizzico di sale
2 cucchiaini di lievito vanigliato per dolci in polvere


Per la crema:

250 gr di panna montata
130 gr di zucchero a velo 
100g di mascarpone 


Per la decorazione:
400g di togo(al latte o fondenti) circa 75-80 in totale

fragole,lamponi,mirtilli,o fiori freschi!



PREPARAZIONE:


Preriscaldare il forno a 180 gradi e foderare una tortiera con carta da forno.

Montare le uova intere con lo zucchero per 10 minuti con il frullino elettrico fino ad avere una massa chiara e spumosa poi aggiungere un poco alla volta il latte e poi il burro sciolto, frullando alla minima velocita' in modo da non smontare il composto.

Aggiungere, mescolando a mano, la farina  setacciata insieme al lievito ed al cacao. 

Cuocere la torta in forno statico a 160° per 35-40 minuti.
Una volta cotta, tagliare la torta orizzontalmente e spalmare uno strato di crema a piacere.
Coprire la torta con 1/3 della crema rimasta,applicare sul perimetro i togo,e far cadere sulla superficie le fragole fresche o la frutta che preferite.